skip to Main Content
Menù
Il Gran Galà Del Calcio In Europa: La Notte Dei Grandi Ritorni

Il Gran Galà Del Calcio in Europa: la notte dei grandi ritorni

A volte ritornano. La maglia è cambiata, ma casa, in fondo, resta sempre casa. Saranno notti di Champions ma pure notti di intensa nostalgia quelle che attendono tra stasera e domani 🇺🇾 Edinson Cavani (TOP 11 2011, 2012, 2013) e 🇫🇷 Paul Pogba (TOP 11 2014, 2015, 2016). Sono vecchie conoscenze della Serie A, campioni che hanno lasciato il segno sul campionato e nell’albo d’oro del Gran Galà del Calcio.

Questa sera il Matador torna al San Paolo, nello stadio che l’ha reso grande. Sebbene Napoli-Paris Saint Germain rappresenti nel girone C un crocevia fondamentale in ottica qualificazione agli ottavi di finale, c’è da scommettere che i tifosi azzurri accoglieranno con un boato e grandi applausi il centravanti uruguaiano. Cavani in tre stagioni sotto il Vesuvio ha segnato quasi 80 gol: da potenziale ottimo giocatore si è trasformato in fuoriclasse, e c’è chi a Napoli sogna il gran ritorno, non solo per una notte. Stasera il Matador non è al meglio e potrebbe cominciare dalla panchina. Comunque vada, per lui non sarà una notte banale.

Lo stesso dicasi per Paul Pogba. Arrivato a Torino a parametro zero nel 2012 a soli 19 anni, il francese si è imposto fin da subito giocando un ruolo chiave nei quattro scudetti consecutivi conquistati nei quattro anni in maglia bianconera. Domani sera scenderà sul prato dell’Allianz Stadium in un Juventus-Manchester United che vale tantissimo, soprattutto per gli inglesi. A quindici mesi dal ritorno ai Red Devils, là dove era cresciuto da ragazzino, Pogba riabbraccia i suoi vecchi tifosi. Loro, c’è da scommetterci, ricambieranno.

E per la prima volta in carriera torna in Italia da avversario pure 🇮🇹 Gigi Buffon (Calciatore dell’anno Aic 2017, TOP 11 2012, 2014, 2015, 2016, 2017). Il portiere del Psg questa sera al San Paolo probabilmente pagherà con i fischi i suoi lunghi trascorsi con la maglia della Juventus e i duelli degli ultimi anni per lo scudetto. Nulla che possa però spaventare una leggenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
×Close search
Cerca