skip to Main Content

GGDC focus giornata 3: il Mago è tornato a colpire

A pochi minuti dal suo ingresso in campo – anche questa volta dalla panchina, come sempre accaduto in questo inizio di campionato – Luis Alberto 🇪🇸 (Top 11 2020) ha ricordato a tutti perché in carriera tifosi e addetti ai lavori lo hanno soprannominato il Mago. Il suo destro di collo esterno scagliato a tutta potenza all’incrocio alla sinistra di Handanovic è stata davvero una perla rara, una magia uscita dal cilindro quasi per caso, in un momento in cui sia la Lazio che lo stesso centrocampista spagnolo ne avevano tremendamente bisogno. Ai biancocelesti di Maurizio Sarri 🇮🇹 (Allenatore dell’Anno 2017) per issarsi a 7 punti in classifica e strappare una vittoria di grande prestigio contro una Inter (Società dell’Anno 2021) tra le grandi favorite per la vittoria finale del campionato; a Luis Alberto per recuperare fiducia e posizioni importanti nel gruppo perché, proprio con l’arrivo del tecnico toscano, l’ex Siviglia si è ritrovato spesso ai margini del progetto tecnico. Dopo una stagione, la scorsa, con qualche difficoltà di troppo, potrebbe essere arrivato il momento della svolta.

E se Luis Alberto è il migliore tra i premiati del Gran Galà del Calcio AIC, da sottolineare in questo terzo turno di campionato il successo esterno dell’Atalanta (Società dell’Anno 2019, 2020) di Gian Piero Gasperini 🇮🇹 (Allenatore dell’Anno 2019 e 2020), vittoriosa per 1-0 sul campo del Verona e in testa alla classifica insieme ad altre cinque squadre tra cui anche la Roma, salvata da Abraham su assist di Paulo Dybala 🇦🇷 (TOP 11 2016, 2017, 2018, 2020) nello scontro diretto di Torino, terminato sull’1-1 contro la Juventus (Società dell’Anno 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018) di Massimiliano Allegri 🇮🇹 (Miglior Allenatore 2011, 2015, 2016, 2018).

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top